Il formicaio di dicembre

Il Formicaio – raccolta di dicembre

Cari amici,

le feste sono già alle nostre spalle ma voglio  rallegrarvi con una bella notizia: la raccolta del mese di dicembre, grazie anche a due contributi straordinari, uno dei quali degli amici de “Il Filo” che si ricordano sempre di noi, è stata veramente eccezionale: 1.670,00 euro! Come già sapete, quando riceviamo contributi una tantum, che ovviamente non possono ripetersi ogni mese, preferiamo diluirli in un periodo più lungo in 3,6,10 rate a seconda dell’ammontare, per garantirci una capacità costante di intervento nelle situazioni di bisogno che durano nel tempo. Perciò la quota del mese di dicembre che passiamo ad utilizzare immediatamente, possiamo calcolarla in 740,00 euro. Il resto sarà utilizzato con le raccolte dei prossimi mesi. Che fare con questa bella somma?

Con i primi 150,00 euro continuiamo a dare una piccola spinta al nucleo famigliare composto da mamma G. e i suoi tre figli che stentano ancora a far quadrare i conti.

Altri 50,00 euro li consegniamo alla nostre “cuoche allo sbaraglio” che avevamo trascurato nel mese scorso, per aiutarle a mettere insieme i pasti settimanali per gli 80 ospiti della Casa di Accoglienza Madre Teresa di Calcutta al Celio, anche nel mese di gennaio.

Sapete poi che a Casa Betania è partito da qualche tempo il progetto “Augeo” rivolto a donne in cerca di lavoro ma che hanno perso la fiducia in sé stesse per aiutarle a scoprire nel loro profondo le potenzialità e le energie di cui sono pure dotate e rimetterle in corsa per cogliere le occasioni che la vita gli offre. Alcune di queste donne però sono in condizioni economiche veramente critiche e, specialmente in questo periodo di festività, abbiamo pensato di tirar su il loro morale con pacchi alimentari di prima necessità. Il nostro contributo a questa iniziativa è di 150,00 euro.

Ricordate le bambine venute in Italia per operarsi e da noi ospitate di cui vi ho parlato il mese scorso? La prima ha già sostenuto con successo l’intervento che le ha separato le dita delle mani e dei piedi ed è rientrata con la mamma in Madagascar il 21 dicembre. La seconda è stata operata con un po’ di ritardo alla bocca e sta completando la convalescenza e le medicazioni al San Filippo Neri ospite di Casa Chala. Rientrerà in Sudan con il papà il 25 gennaio prossimo. A queste due ospitalità destiniamo 140,00 euro.

Ed infine, prima delle feste abbiamo avuto una sorpresa: una mamma che è stata ospite di Casa Betania alcuni anni fa, tanto simpatica e altrettanto “esuberante” e che era tornata in Romania,  è venuta a trovarci per chiederci un po’ di aiuto. Non è ritornata a Roma per turismo ma purtroppo per motivi di salute. La figlia di sedici anni, a sua volta madre di una bambina, è affetta da un tumore alla bocca ed è ricoverata al Bambin Gesù per effettuare ricerche in vista di un intervento chirurgico che in Romania non avevano la possibilità di fare. Alloggiano presso una casa di accoglienza collegata all’Ospedale ma sono partite così, senza mezzi e hanno bisogno in questo periodo di essere assistite un po’ in tutto.  Si sono ricordate di noi e hanno bussato alla nostra porta. Abbiamo acquistato vestiti, alimenti e generi di prima necessità. Il Formicaio partecipa volentieri con 250,00 euro.

E così, anche per questo mese, siamo stati visitati da alcune “novità”, che è poi il significato del Natale. Ma queste novità siamo stati in grado di accoglierle anche grazie alla vostra capacità di farvi prossimi a tutte queste situazioni. Di questo vi ringrazio di cuore.

Ed ora, avanti con gennaio! Un caro saluto

Adolfo

Maggiori informazioni sulla genesi del formicaio e indicazioni su come contribuire a questo link – clicca qui.