Letterina per Natale 2019

Cari amici,
per questo Natale i ragazzi delle “Piccole Case”, le tre strutture dove risiedono i bambini con disabilità complessa di cui si prende cura la nostra cooperativa, chiedono una cosa sola: un po’ di comodità. Che non significa volere la luna, vivere nel lusso o avere pretese esose.

Semplicemente, i nostri piccoli crescono, cambiano, e si modificano anche le loro esigenze: come in qualunque famiglia, quando ci si accorge che le scarpe stanno ormai strette a Giacomino, o che la piccola Beatrice non entra più nel seggiolone, prontamente i genitori provvedono. Così succede anche per gli ospiti nelle nostre case famiglia, ma con qualche bisogno, a volte con molti bisogni in più.
Certi movimenti che noi, nel nostro quotidiano, diamo per scontato, sono difficilissimi, se non impraticabili per qualcuno: spostarsi dal letto alla carrozzina, o dalla carrozzina al bagno, per chi è impossibilitato nei movimenti, richiede in alcuni casi l’intervento di due persone, e notevoli sforzi fisici e di coordinamento. Dotarsi di un sollevatore (o meglio due, per le due case dove si trovano i ragazzi più grandi) agevolerebbe molto il lavoro quotidiano degli operatori, assicurando in modo sicuro il trasferimento del ragazzo da una posizione all’altra.
D’altra parte, avere una postura corretta è fondamentale per una buona crescita: oltre a rendere più confortevole e sostenibile la posizione seduta, evita l’insorgere di problemi articolari, di respirazione, di digestione e così via. A questo serve la carrozzina posturale che vorremmo acquistare per E. una delle ragazze più grandi.
Infine ai nostri bambini e ragazzi piace tanto fare la doccia comodamente sdraiati su una sdraietta speciale che si chiama Otter e abbiamo l’esigenza di cambiarne una che oramai ha fatto il suo tempo.
La comodità è il desiderio di una vita decorosa, di elevare un poco, per quanto possibile, le proprie condizioni, di superare qualche limite e qualche barriera in più. Noi lo definiamo desiderio, ma è più giusto chiamarlo diritto. E in quanto tale, ci chiama tutti in causa.
Se è vero che per crescere un bambino ci vuole un intero villaggio, noi ci rivolgiamo ancora una volta al nostro villaggio virtuale di persone di cuore che sostengono i nostri piccoli ospiti e, rispondendo agli appelli di chi quotidianamente sta al loro fianco, non fanno mancare nulla a questi bambini. Molti degli ausili di cui avremmo bisogno hanno un costo non indifferente, e la ASL, per ripetute ristrettezze di bilancio, non li fornisce. Fortunatamente noi sappiamo di poter contare su amici generosi, fedeli e premurosi.

Donare è facile: effettua un bonifico sul conto corrente intestato a l’Accoglienza soc. coop. soc.

Ecco come fare. Clicca qui

Scrivi come causale “Natale solidale 2019” seguita dal tuo nome e cognome.

Se ci darai riscontro della tua donazione, inviando una mail a posta@casabetania.org potremo tenerti aggiornato sul progetto e trasmetterti la certificazione della donazione per la tua dichiarazione dei redditi 2020.

Grazie del tuo sostegno, contiamo su di voi!

Ti aspettiamo per farci gli auguri di Natale in una di queste occasioni:

Domenica 15 dicembre: Natale dei bimbi – per info clicca qui

Mercoledì 18 dicembre: S.Messa di Natale – per info clicca qui