Il formicaio di settembre

Cari amici,
un misterioso disguido informatico non risolto ci ha impedito di farvi aprire e leggere la lettera del Formicaio relativa alla raccolta di agosto allegata alla Luna Nuova del mese scorso.

Colgo allora l’occasione per ri-trascrivervi qui di seguito le parti salienti.
“…… nonostante il periodo feriale che ha tenuto lontana da Roma la maggior parte di voi, anche nel mese di agosto abbiamo raccolto la somma di 430,00 euro.
Ora siamo a settembre, il mese in cui riaprono le scuole, ed è proprio all’impegno scolastico che vogliamo destinare la nostra raccolta.
Sappiamo che la scuola è gratuita in linea di principio ma sappiamo anche che in realtà non sono poche le spese che le famiglie devono affrontare per consentire ai ragazzi di approvvigionarsi del materiale scolastico necessario, a partire dai libri di testo.
Uno dei figli della mamma G., che ormai conosciamo bene, frequenterà da quest’anno le scuole superiori. I libri da comprare sono tanti. I professori, a conoscenza della difficile situazione economica della famiglia, hanno promesso di donare al ragazzo alcuni dei libri di testo che ricevono gratuitamente dalle case editrici ma non riusciranno a fornirli tutti. Pensiamo allora di impiegare i primi 230 euro per consentire a G. di completare l’acquisto di tutti i libri di testo per il figlio maggiore, senza patemi.
Una situazione analoga è quella di U. una mamma africana che ci è stata segnalata dalla Comunità di Sant’Egidio con la quale abbiamo da tempo instaurato un rapporto di reciproco aiuto e di condivisione di alcune situazioni di bisogno. La mamma U. ha un figlio di 12 anni che dovrà frequentare la seconda media presso la scuola “Stefanelli” presente nel nostro territorio. E’ un ragazzo bravissimo con un rendimento scolastico eccezionale. La mamma ha un rapporto di lavoro regolare ma non a tempo pieno e pertanto non riesce a mettere insieme più di 400-500 euro al mese. Anche per lei l’acquisto dei libri e del materiale scolastico rappresenta un grosso problema. Destiniamo pertanto a questa famiglia i restanti 200,00 euro, impiegando così tutte le risorse di questo mese a sostegno della cultura che non sarà un bisogno primario ma è certamente un bisogno fondamentale per uno sviluppo più completo della personalità umana ed un investimento per il futuro………..”
E veniamo ora alla raccolta di settembre che ha fruttato la somma di 450,00 euro.
In questo mese siamo stati coinvolti in una emergenza veramente drammatica che ci spinto ad offrire due diverse accoglienze allo stesso nucleo famigliare. Si tratta di una mamma peruviana di 55 anni, senza permesso di soggiorno, con una figlia di 22 anni in attesa di un bambino affetta da una gravissima patologia cerebrale e un altro figlio di 12 anni. Vivevano tutti nel quartiere Prati in una specie di sgabuzzino senza finestre per il quale dovevano pagare 125 euro a settimana. Unica fonte di reddito, qualche servizio domestico ma negli ultimi tempi, a causa del decorso della malattia della figlia, neppure quella.
Abbiamo pensato allora di accogliere in Casa Betania la figlia gestante per seguirla nelle sue cure e di offrire alla mamma e al figlio minore una sistemazione in uno degli appartamenti in affitto che destiniamo ai percorsi di semi-autonomia delle mamme che escono dalla Casa: c’era al momento una camera libera. Ma parlare di semi-autonomia in questa situazione è del tutto improprio perché, anche a causa della malattia, la capacità economica del nucleo è pressoché nulla. C’è bisogno di tutto: la spesa giornaliera, i libri di scuola per il ragazzo e, ovviamente, abbiamo rinunciato a chiedere un qualsiasi contributo per l’affitto.
Il Formicaio pertanto ha deciso di destinare l’intera raccolta di settembre per un primo sostegno a questa situazione. Vi terremo informati.
Ovviamente questa grave emergenza non ci consente di accompagnare le altre situazioni di bisogno che ci eravamo presi a cuore ma speriamo di ritornarci con la raccolta del mese di ottobre grazie al vostro rinnovato contributo.
Per quanti fossero nuovi del Formicaio ricordo che i contributi per i nostri interventi possono essere effettuati mediante bonifico bancario – clicca qui per i dettagli iban  indicando come causale “donazione per il Formicaio” oppure mediante versamento diretto in Segreteria con rilascio di ricevuta.

Un sentito grazie e un caro saluto.

Adolfo